importanti novità all’orizzonte? attualmente in discussione in Parlamento un estratto del disegno di legge

79‐ Semplificazione della disciplina dei concorsi e manifestazioni a premio
Art. 1. Al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001, n. 430, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) il comma 6 dell’articolo 1, è sostituito dal seguente:
“6. Tutte le fasi del gioco destinate all’aggiudicazione dei premi sono effettuate nel territorio dello Stato. Le
attività connesse al confezionamento dei prodotti e alla partecipazione alla manifestazione mediante il servizio
postale, telefonico o mediante internet o mediante carte di pagamento possono svolgersi anche al di fuori del
detto territorio”;

b) all’articolo 4, comma 1, sono apportate le seguenti modificazioni:
1) dopo le parole “sconti di prezzo” sono aggiunte le seguenti “anche se differiti o aleatori”;
2) dopo le parole “assoggettati all’imposta sul valore aggiunto o alla relativa imposta sostitutiva,” sono inserite
le seguenti “compresi i buoni spesa di valore predeterminato da utilizzare nell’ambito di un circuito di pagamento, anche elettronico, idoneo a selezionare i punti di vendita nei quali gli stessi sono spendibili e le categorie di beni ammessi all’acquisto,”;
3) dopo la parola “denaro,” sono aggiunte le seguenti: “anche in formato elettronico, salvo che per i premi di
importo pari o inferiore all’importo dei beni al cui acquisto è condizionata la partecipazione alle
manifestazioni,”;

c) la lettera b) del comma 1 dell’articolo 6 è sostituita dalla seguente:
“b) le manifestazioni nelle quali è prevista l’assegnazione di premi da parte di emittenti radiotelevisive a persone presenti esclusivamente nei luoghi ove si svolgono le manifestazioni stesse, anche se precedute dalla preselezione dei concorrenti in luoghi diversi, sempreché l’iniziativa non sia svolta per promozionare prodotti o servizi di altre imprese; a tal fine si considerano presenti alle manifestazioni anche i telespettatori o, per le emittenti radiofoniche, gli ascoltatori che intervengono alle stesse attraverso collegamento telefonico, ovvero qualsivoglia altro collegamento a distanza;”

d) dopo l’articolo 6 è aggiunto il seguente:
“6‐bis. Per le manifestazioni radiotelevisive escluse dalla disciplina dei concorsi e delle operazioni a premio ai
sensi dell’articolo 6 del presente decreto, il soggetto promotore predispone un apposito regolamento, volto a garantire la pubblica fede e la parità di trattamento e di opportunità per tutti i concorrenti, Il regolamento contiene l’indicazione del soggetto o dei soggetti promotori, della durata, dell’ambito territoriale, delle
modalità di svolgimento della manifestazione, della natura e del valore indicativo dei singoli premi messi in
palio, del termine della consegna degli stessi e dei criteri di selezione dei concorrenti, è autocertificato con
dichiarazione sostitutiva di atto notorio resa dal rappresentante legale della impresa promotrice ed è
conservato presso la sede di quest’ultima per tutta la durata della manifestazione e per i dodici mesi
successivi alla sua conclusione”.

2. I soggetti promotori adottano il regolamento di cui all’articolo 6‐bis del decreto del Presidente della
Repubblica 26 ottobre 2001, n. 430, inserito dal comma 1 del presente articolo, a decorrere dal centottantesimo
giorno dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.

3. Le somme relative alle cauzioni di cui all’articolo 7 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre
2001, n. 430, incassate a seguito di violazioni della normativa sulle manifestazioni a premio, sono riassegnate al
fondo di cui all’articolo 148 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, anche per essere utilizzate per concedere, nei
limiti delle somme disponibili, eventuali indennizzi ai consumatori danneggiati dalle violazioni stesse.
4. E’ fatto salvo quanto previsto dall’articolo 19, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449.
5. All’articolo 12, del decreto‐legge 28 aprile 2009, n. 39, convertito con modificazioni dalla legge 24 giugno
2009, n. 77, dopo il comma 1, è aggiunto il seguente: “1‐bis. Le sanzioni specificamente previste dalla lettera o)
del comma 1 si applicano esclusivamente in caso di effettuazione di concorsi a premio per i quali, con
provvedimento del Ministero dell’economia e delle finanze, Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, è
accertata la coincidenza con attività di gioco riservate allo Stato o l’elusione del monopolio statale dei giochi. Per le altre violazioni resta ferma la diversa disciplina sanzionatoria vigente in materia ”.
RELAZIONE
Le disposizioni contenute nel presente articolo permettono di chiarire la disciplina delle manifestazioni e dei
giochi a premio, per quanto riguarda quelli effettuati da emittenti radiotelevisive.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: