Chiude Nectar Italia.

Già ad  inizio 2015 Auchan-Simply avevano dato i primi segnali di incertezza al mercato uscendo dalla coalition. Nell’ultimo periodo poi l’impossibilità di sostituire un big della GDO con altro di livello ha fatto sì che si arrivasse a questa triste decisione.

L’unica cosa certa al momento è che a febbraio 2016 Nectar Italia chiuderà uffici e battenti, ponendo uno stop ad uno dei “loyalty schemes” più noti al mondo che ha superato la soglia degli 11 milioni di aderenti, con più di 6 milioni di carte attive nel periodo di massimo picco, e premi erogati ai propri iscritti pari un valore di 230 milioni e passa.

GDOWEEK articolo

 

Annunci

Come assicurare le tue promozioni?

Recentemente mi è capitato di imbattermi in questo interessante video che spiega in maniera efficace ed in lingua Italiana come assicurare il risultato di una promozione.

Vi ricordate il caso Unieuro ai tempi dei campionati del Mondo? quante favole in circolazione circa il posto perso dal manager che aveva rischiato sull vittoria dell’Italia…e sulle migliaia di televisori vinti!

Molta la casistica a riguardo; di certo c’è che il rischio in ambito promozionale è un fattore da tenere sempre bene a mente.

Quali le se soluzioni più in uso in Italia?

di seguito il link alla proposta che, ovviamente, arriva dall’estero. Mando

 

Aziende alla velocità della luce

Aziende alla velocità della luce

Il mercato sta cambiando le aziende, il lavoro e i lavoratori. Quello che si sta verificando da alcuni anni è effetto del cambiamento della velocità in cui il mercato si muove. Per comprendere il rapporto in essere tra mercato e aziende potremmo prendere in prestito alcuni concetti liberamente tratti dalla teoria della relatività! Volendo solo creare una metafora esplicativa, prendo alcuni basilari concetti della fisica quantistica.
La teoria della relatività spiega il perché il tempo non scorre in modo costante e che gli effetti sono maggiormente visibili alle alte velocità.
Se a basse velocità gli effetti sul divario spazio tempo non sono percepiti, pian piano che ci si avvicina alla velocità della luce gli effetti risulteranno evidenti, facendo si che una massa che viaggia ad una velocità elevata risulta aver trascorso un tempo differente rispetto ad un suo gemello che viaggia a velocità minori.
Tornando la nostro mercato, i cambiamenti di oggi stanno modificando le aziende perché aumenta la velocità. Il mercato per effetto delle nuove tecnologie e della circolazione delle informazioni si muove in modo maggiormente veloce rispetto al passato. La velocità ci porta verso effetti simili a quelli descritti, infatti un aumento della velocità del mercato evidenzia maggiormente lo sfasamento temporale delle aziende rispetto a mercati tradizionali del passato dove la concorrenza si basava su regole assai differenti e in base alla quali le attuali grandi aziende sono strutturate.
Quelle che adesso non viaggiano alla velocità di mercato, le vecchie e tradizionali aziende postindustriali, risultano fuori dal tempo e probabilmente fuori dal mercato. Solo le aziende che aumentano la loro velocità tramite una organizzazione snella e adatta alle nuove esigenze di mercato riescono a mantenere il passo e coesistere in un ambiente altamente competitivo. I modi per accelerare la velocità sono molti e influiscono su tutti gli aspetti aziendali. Per elencarne alcuni possiamo dire ciò che rallenta l’azienda vs ciò che la rende maggiormente veloce:

– la pianificazione vs l’azione
– la ricerca di mercato vs il test e la sperimentazione
– i piani strategici vs la vision
– la gerarchia vs la condivisione
– un modello di RU tradizionale vs una collaborazione esponenziale
– la tradizione vs l’innovazione

Considerando le aziende commerciali, la promozione rappresenta l’elemento di marketing che meglio si adatta a risposte veloci. La promozione infatti può creare prodotti (temporary product) capaci di rispondere in modo immediato al mercato, può adeguare il prezzo promozionalmente e addiruttura cambiare il posizionamento piuttosto che renderlo maggiromente forte (pensiamo a campagne valoriali sul posizionamento delle banche cooperative in sostegno alle imprese del territorio in periodi di crisi).

La velocità per certi versi semplifica ma aumenta i rischi e per questo le grandi aziende prediligono la prudenza non rendendosi conto che rallentano solo (nemmeno troppo) gli effetti ma non risolvono i problemi.

In pratica, in qualunque azienda lavori, qualsiasi sia il tuo ruolo, inizia a correre se non vuoi restare fuori dal mercato! (liberamente tratto dalla teoria della relatività e da un proverbio africano)

Riccardo Del Nonno
Promotion Manager

BASKO – COLORE IN CUCINA – SELF

COLORE IN CUCINA dal 7 Aprile al 2 Maggio con 30€ di spesa e un piccolo contributo http://www.basko.it/promozioni/colore-in-cucina/it

basko_pirofile self aprile 15_BK1.png

Migross – FrescoMio Collezione premi 2015-16:

Fino al 23 febbraio 2016, raccogli i bollini che riceverai ogni volta che fai la spesa, un bollino ogni 5 euro di
spesa (scontrino unico). Incollali sulla scheda bollini, seguendo l’apposito schema. Completa con i tuoi dati
e consegnala alla cassa del tuo supermercato.

Migross

i premi saranno disponibili dal 18 Maggio 2015 e potranno essere richiesti fino a 14 marzo 2016.

http://www.migross.it/news-ed-eventi/collezione-premi-2015-16/it

Scarica il nuovo Catalogo

Auchan e Simply lanciano un programma di fedeltà multi-partner

http://www.gdoweek.it/auchan-e-simply-lanciano-un-programma-di-fedelta-multi-partner/

tuacard

http://www.latuacard.it/

Il nuovo ruolo delle promozioni di prodotto

La promozione diventa temporary product

Molti si sono resi conto dell’incremento esponenziale delle iniziative a premio e affini e da un po’ di tempo si inizia a guardare in modo maggiormente professionale e analitico a questa importante leva di marketing.

Segnale dell’importanza sull’argomento è l’interesse verso il dibattito sulla natura degli effetti di tali iniziative e la loro misurazione. Infatti il roi di un’iniziativa promozionale è sempre misurato anche se spesso c’è poca percezione della variabili di costo e ricavo.

Un aspetto nuovo sul quale però vorrei soffermarmi riguarda le opportunità che lo strumento promozionale offre in un contesto di mercato sempre più dinamico e competitivo. In un mercato dove nascono nuovi prodotti e servizi in un arco temporale impensabile prima e dove molti dei prodotti “tradizionali” sono diventati semplici commodity, la vera innovazione di prodotto e di offerta si gioca su livelli differenti da prima. Basti pensare all’offerta finanziaria, dove i prodotti sostanzialmente si equivalgono in termini economici e qualitativi e dove tutto si gioca sulle offerte promozionali: le uniche capaci di creare una relazione verso il cliente tale da condizionarne la scelta.

Ma non si limita a questo il potenziale promozionale. Infatti le promozioni possono essere un vero e proprio strumento di offerta per creare nuovi prodotti “temporary” rinnovando vecchie offerte e adeguandole ai mutevoli aspetti di mercato.

Un esempio sempre in campo finanziario è ciò che per vari anni ha rappresentato il tasso d’interesse promozionale. Molti conti online, nati per essere strumenti finanziari smart e lowcost, sono diventati una sorta di salvadanaio remunerativo e liquido per rispondere alle esigenze di un mercato finanziario in forte crisi.

Oggi, se le aziende italiane avessero consapevolezza di tali strumenti, riuscirebbero a rispondere alla concorrenza (soprattutto internazionale) di grandi gruppi che risultano maggiormente flessibili alle esigenze della clientela.

Vince chi innova velocemente e rende la propria offerta flessibile e uno strumento può essere rappresentato dalle promozioni.

Però troppo spesso le attività promozionali sono considerate delle mere azioni di comunicazione e lasciate in gestione totalmente all’esterno dell’azienda. È necessario che le promozioni escano dal recinto primordiale a cui sono relegate e che vengano elevate all’interno delle aziende, creando nuove professionalità (promotion manager) attualmente poco conosciute.

Riccardo Del Nonno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: